Macerie

Carlo Guzzi, MACERIE_TENTATIVO N.3, 2015, ferro cotto modellato a mano,
20 x 20 x 32,5 cm.
Proprietà dell'autore.
Opera selezionata.

€ 3.000,00

Carlo Guzzi (Cernusco Sul Naviglio 1970) lavora la carta, il ferro, il legno, l’argilla e la sua anima. Un percorso dove l’attenzione si concentra sull’uomo nella sua accezione più pura: uomo che si fa albero antico, impronta nell’aria, assenza o presenza silenziosa. Ma comunque uomo. Lo sguardo in transito si imbatte nell’intransigenza della forma avviando il circolo delle interpretazioni. È giusto gettare lontano lo sguardo, oltre. Non c’è il desiderio di dominare la materia o di farla propria ma semmai il tentativo di comprenderla attraverso carezze leggere.

Diplomato nel 1989 in Design (industria e l’ambiente) Istituto Statale d’Arte - Monza,

Diplomato nel 1996 in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera – Milano,

Specializzato nel 2005 in Arteterapia alla Scuola Artea - Pavia.

Dal 1994 mostre personali e collettive di scultura, installazioni, interventi di working progress e performance artistiche. Vive e lavora a Paina di Giussano (Monza).

“Demoliamo muri per ricostruire muri, dalle MACERIE possiamo far nascere nuove forme del nostro essere nel mondo...lasciando a terra il peso accumulato nel viaggio per trovare le giuste distanze tra noi e gli altri.”

Scheda Opera

Scrivi un commento

L'arte che aiuta l'arte

Villa Bagatti Valsecchi è una dimora nobiliare che durante Expo2015 ha ospitato per Regione Lombardia le opere d’arte contemporanea di EXPO ARTE ITALIANA La dimora storica è gestita da Fondazione La Versiera 1718, ente privato a partecipazione pubblica che da anni è impegnato nella sua conservazione.