Serra

Giuseppe Diara
SERRA,
2015,
plastica e cartoncino fissati su tela,
79 x 58 cm.
Ragusa.
Opera selezionata.

€ 2.300,00


Vive e lavora a Ragusa. La sua prima personale risale al 1981 a Comiso. Continua ad esporre negli anni seguenti in mostre collettive in provincia di Ragusa. Un’altra personale, alla distanza di tredici anni, presso lo Studio Nuova Figurazione di Ragusa a cura di C. Scribano e un’ultima, nel 2011, presso la Galleria "Il Chiodo", sempre a Ragusa. Più intensa, varia e costante la sua partecipazione a rassegne collettive, a cominciare dalla mostra “20x20” della Galleria Ibiscus di Ragusa di C. Reppetto e C. Scribano, nelle edizioni del 2003 e del 2004 e del 2005 (quest’ultima edizione si sposterà nello stesso anno anche presso la Galerie Beukers di Rotterdam). Nel novembre 2003 è stato inserito nel catalogo dell’Asta Finarte, Roma.Nel 2006 è presente alle rassegne Medi Arte di Palermo e Catania Artefiera, con la Galleria Lo Magno di Modica e la Ferraro Arte di Roma.

Nel 2007 è la volta della fiera Medi Arte di Palermo. Dal 2010 partecipa regolarmente alla collettiva del Circolo “Vitaliano Brancati” di Scicli. La mostra di quell’anno, L'Annunciazione - 35 pittori per Antonello da Messina, si sposta poco dopo presso il Museo Bellomo di Siracusa. Nel 2011 partecipa alla fiera Agrigento Arte e alla Ventunesima edizione di “Istanbul Art Fair” in Turchia. Nel 2012 partecipa alla 54° Esposizione d'Arte della Biennale di Venezia. Torino, Sala Nervi. Partecipa inoltre alla mostra Visioni dall’arte contemporanea presso complesso dei Dioscuri al Quirinale, Roma. Espone presso la Villa Romana Del Casale di Piazza Armerina.

Nel 2013 interviene alla collettiva Primavera Dell’arte presso il Museo Archeologico Regionale Di Gela, a cura di F. G. Mazzeo e con la direzione artistica di Giovanni Iudice. Nel 2014 partecipa ad “Artisti di Sicilia da Pirandello a Iudice” a cura di Vittorio Sgarbi, Favignana ex Stabilimento Florio.

Scheda Opera

Scrivi un commento

L'arte che aiuta l'arte

Villa Bagatti Valsecchi è una dimora nobiliare che durante Expo2015 ha ospitato per Regione Lombardia le opere d’arte contemporanea di EXPO ARTE ITALIANA La dimora storica è gestita da Fondazione La Versiera 1718, ente privato a partecipazione pubblica che da anni è impegnato nella sua conservazione.